agonia
italiano

v3
 

Agonia.Net | Regolamento | Pubblicità Contatto | Registrati!
poezii poezii poezii poezii poezii
poezii
armana Poezii, Poezie deutsch Poezii, Poezie english Poezii, Poezie espanol Poezii, Poezie francais Poezii, Poezie italiano Poezii, Poezie japanese Poezii, Poezie portugues Poezii, Poezie romana Poezii, Poezie russkaia Poezii, Poezie

Poesia Personali Prosa Sceneggiatura Saggistica Stampa Articolo Comunità Concorso speciale Tecniche letterarie

Poezii Românesti - Romanian Poetry

poezii


 

dello stesso autore




Traduzioni di questo testo
0

 I commenti degli utenti


print e-mail
Lettori: 455 .



Esercizio di sopravvivenza
personali [ ]

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
di [valu ]

2014-04-17  |     | 




Sono un treno verso il nulla, dalla sua finestra gli alberi corrono in cerchio...
Il cielo è di cellophane, la gente cresce fresche pagnotte per la Morte...
Qualcosa verticale mi taglia e mi divide, la centrifuga del quadrante sprema il burro dalle ore fisse.
Da qualche parte un avvoltoio mi guarda di traverso... le acque applaudono spettacolo del sale.
Il fuoco va via smarrito in se stesso
Per che cosa sono venuto qui così tardi quando niente è più vivo dello spasmo di
una foglia distaccata da me, spezzata dal treno sui binari di vetro?
La Terra è asfissiata in una borsa di cellophane in cui geme smorzato il mio nome...
Solo la Morte mastica annoiata il pane e gira la giostra del quadrante contorto.
Questo stato confusionale delle parole turbinio mi assorbe e il nulla inizia e finisce qui.
I miei anni grandi, i miei anni piccoli, alberi contorti diventati tavole...
Tu non guardarmi dalla finestra, perché gli occhi potrebbero superarmi
come un sonno clandestino, come un festino finale... volta pagina, al di là ti aspetta il sublime...
la tua illusione, la tua pietà di parata, il tuo amore pegno per un apparente successo
quando non ti riconosce lo specchio, un’impetuosa pagnotta -
Quanti treni passano, non vale la pena disegnare delle stazioni, pubblicità sulle borse di un centesimo.
Abbiamo beni comuni soltanto gli alberi che corrono in un cerchio e
non saremo capaci dividerli ugualmente ...rompi qui la pagina, non voltarla più, sono un treno o qualsiasi cosa
che non importa, non importerà, nell'economia del quadrante sono un fuori di testa
chi se ne frega di questa pagina, chi se ne frega della penna

.  |










 
poezii poezii poezii poezii poezii poezii
poezii
poezii Questo è l'Olimpo della Lettertura, della Poesia, e della Cultura. Se hai piacere di partecipare alle nostre iniziative scrivi altrimenti appaga la tua conoscenza con gli articoli, la saggistica, la prosa, la poesia classica e/o contemporanea oppure partecipa ai nostri concorsi. poezii
poezii
poezii  Cerca  Agonia.Net  

La riproduzione di qualsiasi materiale che si trova in questo sito, senza la nostra approvazione, é assolutamente vietata
Copyright 1999-2003. Agonia.Net

E-mail | Politica di condotta e confidenzialità

Top Site-uri Cultura - Join the Cultural Topsites!