agonia
italiano

v3
 

Agonia.Net | Regolamento | Mission Contatto | Registrati!
poezii poezii poezii poezii poezii
poezii
armana Poezii, Poezie deutsch Poezii, Poezie english Poezii, Poezie espanol Poezii, Poezie francais Poezii, Poezie italiano Poezii, Poezie japanese Poezii, Poezie portugues Poezii, Poezie romana Poezii, Poezie russkaia Poezii, Poezie

Articolo Comunità Concorso Saggistica Multimedia Personali Poesia Stampa Prosa _QUOTE Sceneggiatura speciale

Poezii Românesti - Romanian Poetry

poezii


 
dello stesso autore


Traduzioni di questo testo
0

 I commenti degli utenti


print e-mail
Lettori: 1293 .



Marinai (I due allegri)
prosa [ ]
(LB e PP, non SL e OH)

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
di [gNOMMIO ]

2008-11-10  |     | 



Marinai (I due allegri)
(LB e PP, non SL e OH)

Cazzo facevi a Civitavecchia vestito da Paperino?
PP era, ed io pure, nocchiere di porto, per via della leva, alla capitaneria di porto della “ridente” cittadina laziale.
PP ed io, parte della potente flotta da guerra italiana; in realtà non proprio granché partecipi di tutta ‘sta cazzo di gloria di ‘sta cazzo di flotta navale.
Inoltre non è che i nocchieri navighino più di tanto, “Congiungiti alle forze navali girerai il globo terraqueo e oltre” è sentenza che riguarda altre categorie di coscritti; noi, di tanto in tanto, si faceva, per dire, un giro colla vedetta, una visita su una bananiera, poi stop.
Non che le grosse navi, che davvero giravano in lungo ed in largo, fossero poi ‘sta gran cosa; esperienze divertenti alcune ne ho fatte anche presso il forte Buonarroti (ho conosciuto il sottotenente di vascello Nofroni, fanatico di radiotelegrafia e di alfabeto ICAO, da cui un personaggio di alcuni nanoracconti), e poi, inoltre, sopra quei cetacei di ghisa teosofica la disciplina, dice, è ferrea.
In Capitaneria, in genere, la disciplina a stento può essere appaiata a quella di un qualsiasi istituto bellicista.
In genere, dico, perché, talvolta, si trova un ufficiale in capo, tale Gregorio Vinciguerra, capitano di fregata che diventerebbe di vascello, sennonché ‘sti gradi non arrivano più e GV “’o cane”, da Salerno, gli girano e quando gli arrivano i rapporti disciplinari lui fà: sette jurne, di consegna, si sa.
Doventi scontare ancora alcuni jurne, io ed il PP, però già “scoppiati”, una notte ci parve quasi doverosa la fuga, via alla spiaggia, dalle parti di casa.
Ora: considerando che, in zona porto, vestiti non da Paperino bensì in guisa di Braccio di Ferro, circolare si poteva, e che non è che ci controllassero passo passo, si poté allontanarsi con dentro gli zaini abiti civili.
Via alla stazione, quindi crisalide e discontinuità d’abito in treno.
Poi guardia, senza fucile, uno in testa ed uno in coda al vagone, per evitare agguati dei controllori; quando si palesassero, scorrere di uno e di nuovo.
Ore due circa, giunti a Grosseto stazione, c’è la questione trasporto per e da lido.
Proceduto a spoliazione piccolo ciclo propulso a benzina, viaggio a velocità di crociera.
Circa tre quarti d’ora di tradotta, piuttosto disagevole, se consentite, per giungere a Castiglione DP.
Non senza aver tentato, al bivio per San Rocco, goffo approccio di tre o quattro svedesotte che tirano per la loro strada, così, proprio che non ci conoscessero.
A CDP tuffo in acqua istantaneo, non pensando che salviette o accappatoi non ce n’erano.
Così, spinti, dal freddo notturno, calci e spallate alla porta di una cabina del bagnetto.
Poi, di nuovo, la questione logistica risolta con altro esproprio.
Il viaggio di ritorno è reso più penoso dall’escursione che, anche se Estate, fa il suo.
S’arriva pari pari alla stazione, giusto per salire sul treno pel ritorno.
In treno si riposa, che è l’alba e controllori non ce n’è, oppure sonnecchiano anch’essi.
Ore sette, cascasse il creato, si deve presenziare all’appello e poi giù, a letto.

P.S.: ‘Sta storia credo di poterla raccontare ché i fatti sono piuttosto datati, dato il periodo trascorso, le infrazioni contestabili dovrebbero essere prescritte a quest’ora.
Perché, non so se è vero, oppure se è una leggenda, però dice che le pene inflitte ai soldati, ancorché reclute coscritte, ancorché nocchieri d’acqua salsa, siano doppie rispetto alle pene corrispondenti attribuite ai non belligeranti. Boh?

.  |








 
shim Questo è l'Olimpo della Lettertura, della Poesia, e della Cultura. Se hai piacere di partecipare alle nostre iniziative scrivi altrimenti appaga la tua conoscenza con gli articoli, la saggistica, la prosa, la poesia classica e/o contemporanea oppure partecipa ai nostri concorsi. shim
shim
poezii  Cerca  Agonia.Net  

La riproduzione di qualsiasi materiale che si trova in questo sito, senza la nostra approvazione, é assolutamente vietata
Copyright 1999-2003. Agonia.Net

E-mail | Politica di condotta e confidenzialità

Top Site-uri Cultura - Join the Cultural Topsites!